Namastè, Michele

25 febbraio 2017


😥 😚

6 Responses to “Namastè, Michele”

  1. sofia ambrosini Says:

    Già febbraio 2017. Come passa il tempo quando ci si diverte, avresti commentato tu. L’unica consolazione (che parola del piffero) è che quello che hai fatto, quello che hai detto, e purtroppo anche quello che hai cantato 🙂 Michele, è sempre con noi. Mi scopro spesso a pensarti, ma quando succede sorrido, certe volte addirittura rido, è paradossale ma è così, perché il lato comico tu lo vedevi sempre, noi solo qualche volta, e spesso ce lo facevi notare tu. Non eri superficiale, tutt’altro, eri profondo, avevi la leggerezza sì, ma anche l’acutezza di andare, essere, oltre. Il tuo anno sabbatico in giro per il mondo ti ha fatto vedere il mondo, sì, ma ha anche fatto vedere te al mondo, perché una forza della natura come te non so in quanti possono dire di averla conosciuta se non hanno avuto la fortuna di incontrarti.

  2. Anonimo Says:

    Quando guardo il cielo cerco te
    Distrattamente guardo il cielo e cerco te
    E mi sollevo
    Ciao Michele, sempre nei nostri cuori

  3. Ippolita Says:

    Ho parlato di te stasera… che bei momenti insieme a Bali… mi manchi

  4. Sofia Ambrosini Says:

    25 febbraio 2019. Un mese in cui ti pensiamo tutti più degli altri del calendario, Michele. Un mese breve ma intenso, come la tua vita. Ho visto Sanremo e ho pensato a quanti Sanremo abbiamo visto insieme. A quante risate, cantate, stonate. A te piaceva davvero, Sanremo, tu la musica la amavi tutta. Andare alle cantine Ronchi per ascoltare (e cantare) Baccini era un appuntamento fisso, una sera ci hai trascinati perfino al concerto di Renato Carosone, grandissimo (tu, ma anche lui), un concerto fantastico. Con te ci siamo beccati pure “Scugnizzi”, un film musical di Nanny Loi, uscendo dal cinema in lacrime 🙂 Una delle cose belle (tante) di te è l’aver vissuto sempre senza filtri, candidamente, senza farti condizionare da quello che era considerato giusto, quello che era da fare o da non fare. Che si trattasse di musica, cinema, politica, viaggi, amici, eri un uomo libero. E un po’ forse hai liberato anche noi, che con te abbiamo potuto allargare i nostri orizzonti, non solo musicali. Dimenticavo, a Sanremo quest’anno ha vinto Mahmood, un ragazzo milanese un po’ sardo e un po’ egiziano, ti sarebbe piaciuto un sacco.
    Sofia

  5. Matteo Says:

    Grazie Sofia, proprio un bel ricordo…

  6. ilblogperte Says:

    grazie per seguire il mio blog 😊


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: